Visualizzazioni totali

Informazioni personali

La mia foto
"Una farfalla prima d'esser tale e spiccare il volo con ali variopinte è bruco e deve fare i conti con la terra umida. Bisogna esser disposti a non disprezzare l'utilità del fango se si vuol conoscere anche l'ebbrezza del cielo." -(piccolo stralcio tratto da un mio racconto contenuto in "Liberi e controcorrente come salmoni")-

lunedì 13 agosto 2012

UNA STELLA CADENTE MI HA DETTO...


Rieccomi… rieccoci. Agosto, il mese delle partenze (anche se mai come in questi tempi di crisi economica ogni giorno di vacanza è un lusso da benedire con consapevolezza).
Scrivo queste righe senza uno scopo preciso, se non quello di voler in qualche modo usare ogni singola lettera come valvola di sfogo creativo e come oggetto catartico, un poco come uno scultore che non riesce a tenere in mano creta grezza senza trasformarla inevitabilmente in qualche soggetto espressivo.
Tra pochi giorni sarà il mio compleanno e forse, per la prima volta, non lo vedo come una ricorrenza fine a sé stessa o capace di adunare amici vicini e lontani…ma semplicemente per quello che è: un giorno che mi ricorda l’impermanenza delle cose, il flusso continuo e variabile dell’esistenza stessa. Anche la notte di San Lorenzo è trascorsa e con essa le sue stelle cadenti: ho espresso solo un desiderio, ma non per me…è inutile pensare ciecamente unicamente alla propria pseudo-felicità quando tutto il resto intorno “crolla”.
Ho pensato quindi “più in grande”: ho espresso un augurio al mondo, perché da tempo lo sento “pallido”, “anemico”, in debito di quell’ossigeno che si chiama AMORE. L’ho fatto ricordando che di quel globo faccio parte esattamente come un minuscolo tassello fa parte di un immenso mosaico…e perchè da esso quotidianamente ne ricevo frutti ed insegnamenti come un figliolo in costante crescita e maturazione.
Spero che quell’augurio possa giungere ad ognuno di voi, così come auspico che ogni persona che mi sta leggendo in questo momento possa sentirsi libera, semplicemente ricordando che nel momento stesso in cui cerchi di afferrarla o descriverla la gioia scappa, come alcol che evapora. Perciò penso sia più utile dunque non cercare la felicità, bensì essere la felicità stessa.

A presto amici! Con Affetto ....
- ALESSANDRO DE VECCHI -