Visualizzazioni totali

Informazioni personali

La mia foto
"Una farfalla prima d'esser tale e spiccare il volo con ali variopinte è bruco e deve fare i conti con la terra umida. Bisogna esser disposti a non disprezzare l'utilità del fango se si vuol conoscere anche l'ebbrezza del cielo." -(piccolo stralcio tratto da un mio racconto contenuto in "Liberi e controcorrente come salmoni")-

giovedì 4 ottobre 2012

Due bolle volteggianti: racconti popolari anonimi




IL VASO:

    Un professore di filosofia, in piedi davanti alla sua classe, prese un grosso vaso di marmellata vuoto e cominciò a riempirlo con dei sassi, di circa 3 cm di diametro.
    Una volta fatto chiese agli studenti se il contenitore fosse pieno ed essi, risposero di sì.
    Allora il professore tirò fuori una scatola piena di piselli, li versò dentro il vaso e lo scosse delicatamente. Ovviamente i piselli si infilarono nei vuoti lasciati tra i vari sassi.
    Ancora una volta il professore chiese agli studenti se il vaso fosse pieno ed essi, ancora una volta, dissero di sì.
    Allora il professore tirò fuori una scatola piena di sabbia e la versò dentro il vaso. Ovviamente la sabbia riempì ogni altro spazio vuoto lasciato e coprì tutto. Ancora una volta il professore chiese agli studenti se il vaso fosse pieno e questa volta essi risposero di sì, senza dubbio alcuno.
    Allora il professore tirò fuori, da sotto la scrivania, 2 lattine di birra e le versò completamente dentro il vasetto, inzuppando la sabbia. Gli studenti risero.
    "Ora," disse il professore non appena svanirono le risate, "pensate che questo vaso rappresenti la vostra vita.
    I sassi sono le cose importanti - la vostra famiglia, i vostri amici, la vostra salute - le cose per le quali se tutto il resto fosse perso, la vostra vita sarebbe ancora piena.
    I piselli sono le altre cose per voi importanti: come la vostra scuola o il vostro lavoro, la vostra casa, la vostra auto. La sabbia è tutto il resto......le piccole cose".
    "Se mettete dentro il vasetto per prima la sabbia", continuò il professore, "non ci sarebbe spazio per i piselli e per i sassi. Lo stesso vale per la vostra vita: se dedicate tutto il vostro tempo e le vostre energie alle piccole cose, non avrete spazio per le cose che per voi sono importanti.
    Dedicatevi alle cose che vi rendono felici: giocate con i vostri figli, portate il vostro partner al cinema, uscite con gli amici. Ci sarà sempre tempo per lavorare, pulire la casa, lavare l'auto. Prendetevi cura prima di tutto dei sassi, le cose che veramente contano. Fissate le vostre priorità... il resto è solo sabbia."
    Una studentessa allora alzò la mano e chiese al professore cosa rappresentasse la birra.
    Il professore sorrise: "Sono contento che tu me lo abbia chiesto. Era solo per dimostrarvi che per quanto piena possa essere la vostra vita, c'è sempre spazio per un paio di birre!!!"


LA FINESTRA : 
 Due uomini, entrambi molto malati, occupavano la stessa stanza d'ospedale. A uno dei due era permesso mettersi seduto sul letto per un'ora ogni pomeriggio per aiutare il drenaggio dei fluidi dal suo corpo. Il suo letto era vicino all'unica finestra della stanza. L?altro uomo doveva restare sempre sdraiato. Infine, i due uomini fecero conoscenza e cominciarono a parlare per ore. Parlarono delle loro mogli e delle loro famiglie, delle loro case, del loro lavoro, del loro servizio militare e dei viaggi che avevano fatto.
Ogni pomeriggio, l'uomo che stava nel letto vicino alla finestra poteva sedersi e passava il tempo raccontando al suo compagno di stanza tutte le cose che poteva vedere fuori dalla finestra. L'uomo nell'altro letto, cominciò a vivere per quelle singole ore nelle quali il suo mondo era reso più bello e più vivo da tutte le cose e i colori del mondo esterno. La finestra dava su un parco con un delizioso laghetto. Le anatre e i cigni giocavano nell'acqua mentre i bambini facevano navigare le loro barche giocattolo. Mentre l'uomo vicino alla finestra descriveva tutto ciò nei minimi dettagli, l'uomo dall'altra parte della stanza chiudeva gli occhi e immaginava la scena. In un caldo pomeriggio l'uomo della finestra descrisse una parata che stava passando. Sebbene l'altro uomo non potesse vederla, poteva sentirla, con gli occhi della sua mente così come l'uomo della finestra gliela descriveva. Passarono i giorni e le settimane. Un mattino l'infermiera di turno del giorno portò loro l’acqua per il bagno e trovò il corpo senza vita dell'uomo vicino alla finestra, morto pacificamente nel sonno. L'infermiera diventò molto triste e chiamò gli inservienti per portare via il corpo. Non appena gli sembrò appropriato, l'altro uomo chiese di potersi spostare vicino alla finestra. L’infermiera acconsentì e, dopo essersi assicurata che stesse bene, lo lasciò solo.
Lentamente, dolorosamente, l'uomo si sollevò su un gomito per vedere per la prima volta il mondo esterno. Si sforzò e si voltò lentamente per guardare fuori dalla finestra vicina al letto. Essa si affacciava su un muro bianco. L'uomo chiese all'infermiera che cosa poteva aver spinto il suo amico morto a descrivere delle cose così meravigliose al di fuori di quella finestra. L'infermiera rispose che l'uomo era cieco e non poteva nemmeno vedere il muro. "Forse voleva farle coraggio", disse.


Vi è una straordinaria felicità nel rendere felici gli altri, anche a dispetto della nostra situazione. Un dolore diviso è dimezzato, ma la felicità divisa è raddoppiata. Se vuoi sentirti ricco, conta le cose che possiedi che il denaro non può comprare. L'oggi è un dono ed è per questo motivo che si chiama presente.

(RACCONTI ANONIMI) 

18 commenti:

  1. grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!! questa pagina è davvero una toccasana per l'anima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono io che ti ringrazio ... senza lettori cosa ne sarebbe di queste parole ?... ;-)

      Elimina
  2. Ale, da brividi!la seconda al conoscevo, e rileggerla è stato un piacere, ma la prima è un insegnamento di vita..
    grazie per aver condiviso con noi queste splendide storie..!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Mary! che piacere rivederti qui!! grazie xkè ti prendi la briga di leggere e commentare! .. domani vendo a fare vista al tuo blog.. è sempre così colmo d'arte!

      Elimina
  3. grazie Alessandro, sono davvero molto belli ma soprattutto aiutano a pensare.................♥

    RispondiElimina
  4. Bellissimi!
    Filosofia alla portata di tutti.
    Il primo mi sta facendo pensare molto.....
    Grazie Alessandro:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Kei!! ;-) era porprio questo lo scopo: una sana riflessione per tutti ...sono felicissimo di aver donato (tramite le preziose perle di autori popolari anonimi) un momento prezioso...grazie a te cara!

      Elimina
  5. Non puoi immaginare come ho letto volentieri questi due racconti, e mentre li leggevo mi ricordavo di averli già sentiti. Ecco il problema: troppo spesso dimentichiamo tutto questo che sono racconti che ci insegnano a vivere nel modo migliore.
    Grazie di tutto cuore per averlo condivisi.
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello leggere commenti di questo tenore.. scalda il cuore sapere che in mezzo alle brutture di questo mondo c'è ancora gente che sa dare cuore! un abbraccio

      Elimina
  6. due straordinari racconti!
    ciao, Claudio

    RispondiElimina
  7. tra tante brutte notizie e superficialità questi racconti son come due smeraldi in un deserto di sassi, bravo!
    Lorely

    RispondiElimina
  8. Due storie bellissime. Grazie per averle condivise con noi.
    Buona domenica.
    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. leggo solo ora , x cui ti auguro 1 ottimo inizio settima.. sorridente, come tu sai fare :))

      Elimina
  9. Ciao Ale!
    Grazie dei regali che ci continui a fare!!!
    Il racconto dei due uomini in ospedale è meraviglioso...
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hola Palma!!! che bello riverderti anche qui sul blog ;) concordo: questi racconti popolari ti lasciano dentro un calore incredibile! un abbraccio!

      Elimina