Visualizzazioni totali

Informazioni personali

La mia foto
"Una farfalla prima d'esser tale e spiccare il volo con ali variopinte è bruco e deve fare i conti con la terra umida. Bisogna esser disposti a non disprezzare l'utilità del fango se si vuol conoscere anche l'ebbrezza del cielo." -(piccolo stralcio tratto da un mio racconto contenuto in "Liberi e controcorrente come salmoni")-

lunedì 1 agosto 2016

Un nuovo viaggio

Dove ci eravamo lasciati? Oh sì! al concerto di Springsteen che ho recensito e condiviso con voi tutti.
Bene, ne è seguito un altro: quello di Cristiano De André, che ci ha riproposto il repertorio in chiave personale il monumentale repertorio del padre.
E' un'estate particolare, una stagione dove alcuni cambiamenti sono giunti inaspettati, lasciandomi inizialmente spiazzato. Nell'astrologia tibetana (una scienza che per loro riveste serietà e verificabilità), si era detto che questo fosse l'anno della "scimmia di legno": un anno caratterizzato da cambiamenti repentini (sia nel bene che nel male). Bhè, io sono un "inguaribile pragmatico" e devo dire che sto verificando personalmente tale tendenza.
Un nuovo progetto ha preso piede. Mentre proseguo la promozione del precedente romanzo http://www.lafeltrinelli.it/libri/alessandro-de-vecchi/risposte-silenzio/9788892301207
e mi adopero a far crescere l'associazione culturale di cui faccio parte (https://www.facebook.com/Gala108/)
Ho iniziato a buon ritmo la stesura del nuovo romanzo! Il titolo è per il momento ancora "segreto", ma posso dire che si parla di un ragazzo affetto da mutismo che svolge la professione del linguaggio dei segni. Il progetto è la prosecuzione ideale del precedente romanzo (nell'idea di creare una trilogia che utilizzi trame diverse su uno sfondo comune). Il protagonista della nuova storia è infatti Davide, cugino di Pablo (il protagonista del mio scritto passato, appunto).
Vi lascio qualche piccolo assaggio di ciò che sto lentamente scrivendo, ma soprattutto vi lascio l'augurio di un'estate foriera di pace, serenità  e coraggio del vivere. (Alessandro De Vecchi).

 (Clicca sulle foto per ingrandirle e facilitare la lettura)












2 commenti:

  1. Che bello assistere ai concerti, la musica unisce le persone e mette a tutti voglia di cantare e muoversi.
    In bocca al lupo per il romanzo e un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirtillo sei davvero la gentilezza fatta a persona! Ci "vediamo" presto! ;)

      Elimina