Visualizzazioni totali

Informazioni personali

La mia foto
"Una farfalla prima d'esser tale e spiccare il volo con ali variopinte è bruco e deve fare i conti con la terra umida. Bisogna esser disposti a non disprezzare l'utilità del fango se si vuol conoscere anche l'ebbrezza del cielo." -(piccolo stralcio tratto da un mio racconto contenuto in "Liberi e controcorrente come salmoni")-

giovedì 1 marzo 2012

<< Passeggiata lungo il momento trasparente >>

Un timido sole sembra volere mettere il naso fuori da un inverno gelido nelle temperature e negli eventi. Esco a fare due passi, una tappa in tabaccheria a pagare un paio di bollette ed osservo il ritmo più lento e rilassato con cui le persone attorno a me passeggiano.
Sembrano già lontani i tempi del passo spedito, quasi a voler dribblare il morso vampiresco dell’aria refrigerata. Le bocche, ferme ai lati dei marciapiedi ed impegnate in allegre discussioni, non esalano più fumi che non siano quelli di sigarette.
La primavera è dietro all’uscio, pronta a bussare con la sua consueta discrezione ed il suo delicato “bon ton”.
Una stagione che amo da sempre e che nell’immaginario collettivo viene associata alle rinascite: quelle della natura, che rifiorisce dopo settimane di coltri bianche e cespugli spogli come autostrade deserte o quelle degli animali, al risveglio dal torpore del letargo.
Spesso quest’iconografia comune ha ritratto anche me in marcia verso una personale reviviscenza…e così oggi, senza preavviso né una particolare ragione, mi sento di scrivere due righe e condividerle in questo “luogo” ormai così familiare.
Non ho pretesa alcuna né uno scopo ben preciso, se non quello di gettare un sorriso nelle acque ferme dello stagno. Un sorriso non costa nulla: si dice che per dipingerlo sul nostro volto occorra semplicemente l’impiego di 12 muscoli, mentre per mantenere un aspetto cruciato dal broncio ce ne vogliano ben 72! Meglio sorrider dunque? Beh direi di sì…anche quando non è per nulla facile facile, anche quando tutto sembra andarti storto e la sofferenza pare stringerti il petto in una morsa d’acciaio fino a procurarti un acuto e silente dolore. La verità è che guardiamo nel fondo del nostro pozzo quotidiano v’è sempre una ragione, una speranza alla quale aggrapparsi…persino quando non la scorgiamo lei in realtà esiste, quindi proviamo ad anticipare gratuitamente una risata, che sia appena accennata o esuberante, a denti stretti o sguaiata al punto d'allargare le nostre labbra. Ridiamo e smettiamo di prenderci troppo sul serio, proviamo a sorridere anche dei nostri guai: è così saggio e bello essere ironici ed auto ironici.
Proviamo ad imparare ad osservare il cielo nella sua spaziosità: nessuna nuvola, per quanto cupa possa essere ha il potere di coprirlo. Le nuvole vanno e vengono... transitano e sono semplicemente di passaggio: non ne esistono di più importanti, solo di forme e colori differenti...ma non impediranno mai comunque al cielo di manifestarsi.
Una stupenda canzone di Lorenzo Jovanotti mi suggerisce: << Dicono che è vero che ogni sognatore diventerà cinico invecchiando
dicono che è vero che noi siamo fermi è il panorama che si sta muovendo
dicono che è vero che per ogni slancio tornerà una mortificazione
dicono che è vero sì ma anche fosse vero non sarebbe giustificazione
per non farlo più, per non farlo più, ora.  Non c’è montagna più alta di quella che non scalerò
non c’è scommessa più persa di quella che non giocherò
ora. Ora. Ora >>.
Esco dalla tabaccheria e regalo al mio udito << Jugleland >> di Springsteen, impreziosita da quel sax che ogni volta ha il potere di farmi commuovere e piangere mentre contemporaneamente gioisco…la meraviglia delle contraddizioni più dolci: un po’ come quando piove con il sole e stille calde e soffici cascano avvolgendoti e prendendosi cura di te.
Buon "ORA" a tutti ....

<< Passeggiata lungo il momento trasparente >>
Le note di sax della “Giungla d’asfalto” m’ispezionano il corpo,
insinuandosi nei timpani
sino a perlustrarmi nella totalità.
Giocano a nascondino fra i muscoli e le ossa,
passeggiando lungo brandelli di carne
e nuotando nel mio plasma.
Un alito di consapevolezza mi sostiene
ammaestrando i miei passi,
indirizzandoli verso la luce
che s’irradia dal mio inconfessato.
Un “momento trasparente” prende luce e vita
come una rivelazione nel silenzio prevedente.
Potrei essere ovunque,
con parti di me sparse in ogni dove:
i piedi nel cuore della grande mela a Manhattan
ed i polmoni sulla più alte vette dell’Himalaya…
…il respiro di un “risvegliato” non conosce parole,
ma ha echi che asciugano alluvioni di lacrime.

-  ALESSANDRO  DE  VECCHI -

39 commenti:

  1. non so come tu faccia, ma hai la capacità di emozionarmi ogni singola volta che ti leggo!

    C.I

    RispondiElimina
  2. ragazzo, lasciatelo dire: tu hai talento da vendere...

    RispondiElimina
  3. ti leggo ogni volta ed ogni volta cerco di decidere qual è la miglior cosa che hai scritto... non ci resco mai, perchè ti superi di volta in volta. La tua forza risiede nel fatto che sai intepretare i sentimenti della gente comune. Chi ti legge si sente meno solo e compreso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jè! scrivo di gente comune e adoro la gente comune :))

      Elimina
  4. Mi fai venire in mente quel detto: cuor contento il ciel l'aiuta!
    Si, hai ragione, bisogna sorridere di più.
    Fa così bene all'anima incontrare un sorriso e farlo, anche, no?
    Sai, scrivi davvero bene, ti faccio i miei sinceri complimenti.
    Grazie della visita e buona serata
    ti lascio un sorriso ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi: sono io il privilegiato, perchè posso confrontrarmi con voi che mi donate il vostro prezioso tempo...
      ti lascio anche io un sorriso :-)) : non ha prezzo e purtoppo l'importanza d'esso molto spesso la capiamo solo quando quel sorriso gli viene negato
      a presto Giglio!

      Elimina
  5. BEI PENSIERI PRIMAVERILI :-) IL SOLE OGGI SCALDAVA DAVVERO E NON SOLO IL NOSTRO INVOLUCRO ESTERNO VEDO :-)))
    Il pezzo delle nuvole si intona con questo pensiero, credo:
    "La nostra mente è pura come l'acqua...
    Se ci mettiamo pensieri negativi è come se la mescolassimo col fango rendendola opaca; quello che dobbiamo fare è separare l'acqua dal fango per conservarne la purezza" (Lama Gangchen)
    Anche quando il cielo è pieno di nuvole, un barlume, una luce la si vede sempre, devi solo smettere di guardare solo le nuvole e volgere il tuo sguardo dove non avevi pensato di guardare.
    Ciao :-)
    Lorely

    RispondiElimina
  6. Condivido pienamente ciò che hai scritto..anche se in alcuni momenti della vita è difficile da mettere in pratica! ma sorridere mi fa stare bene ed è tanto bello farlo!:)
    ps: anche io amo questa stagione, assieme all'estate, di questi tempi mi sento quasi come se uscissi dal letargo!!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary! piacere rivederti qui :)) .. viva la primavera..e come dice "the boss": hard times come again no more :))

      Elimina
  7. Piacevolissima, direi! GRAZIE, Poetesso! Anche io vorrei saper scrivere come scrivi tu! Altra chicca stupenda!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu hai già una dote magnifica: canti come un usignolo! baci :))

      Elimina
  8. grazie. leggerti e' sempre un'emozione! scrivi davvero bene. un abbraccio e ovviamente un sorriso :-D

    RispondiElimina
  9. Bentornato.
    Aspetto sempre i tuoi post in trepidante attesa e ogni volta riesci a sorprendermi positiva....mente.
    Complimenti.
    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Holy!! gentilissimo!!:) bentornato :)

      Elimina
  10. come si sente che c'è nell'autore l'anelito a ritrovarsi come rinnovvato! Mi ricorda Specchio di Quasimodo, solonche qui ancora il verde più nuovo dell'erba si prepara ancora a prorompere e il pezzo di cielo che non è ancora divenuto più azzurro si sta preparando a deivenire tale! ci sei vicino!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. wow Rosalia!! ma che bel complimento!! grazie!! .. fra l'altro sono nato il 20 agosto: lo stesso giorno di Quasimodo.. è un onore x me ! .. baci!

      Elimina
    2. Ogni fantasia ha il suo bosco incantato, e occhi che penetrano oltre il fogliame e trascinano il cuore in un giardino che si nutre di magia, chi non riesce a vedere oltre, ha perso la capacità di guardare, ed è un peccato. ma ecco che arrivi tu amico mio, con un poco di polvere magica per nutrire la vita...
      Sei grande, sei bravo, sei magico!
      Un grande abbraccio ;))

      Elimina
    3. sono ufficialmente arrossito :)))

      Elimina
    4. Ho dimenticato di firmarmi!
      Sono l'anonima Kiki ;)
      Bacione (*)_(*)

      Elimina
    5. avevo riconosciuto lo stile :))) un bacione bell'anima!

      Elimina
  11. caro ale, il tuo modo di interpretare il "think positive" è vera poesia....grazie per avercelo ricordato...
    monica

    RispondiElimina
  12. Sai Ale...credo che il tuo cuore rimarrà sempre bambino (nel senso che io intendo, è una dote d'inestimabile valore) ha quella purezza, quella trasparenza, quella luce che cattura e incanta, ho visto le nuvole passare sul mio cielo e un soffio ….allontanarle in un momento...ho visto la minaccia di un temporale temere il sole e… scomparire...Mi sono accorta che hai ragione è così facile sorridere, pensa che i miei 12 muscoli stavano lavorando senza neanche accorgersene, solo chi ha il dono della meraviglia figlia dell'amore per la vita può riuscire con poco più di dieci righe ad animare l'immaginario altrui così stupendamente...sono molto :-) dei tuoi doni...grazie
    giuly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie infinite Giuly! ^_^ sei sempre così cara !
      quando dici "il tuo cuore resterà sempre bambino" mi cogli con una dolcezza infinita.. spero davvero che il mio cuore riesca- nonostante tutto- a restare puro ed incontaminato come quello di un fanciullo. A volte davvero non mi sento tagliato x questo mondo e per questa società, a volte davvero mi sento un pesce fuor d'aqua, un animale in cattività che vorrebbe solo ritornare allo stato brado e finisco x "invidiare" (in senso buono) chi cinicamente è riuscito a costruirsi una "scorza" protettiva che io non ho...
      un abbraccio forte forte! smack!

      Elimina
  13. Mi piace come scrivi, ma sopratutto ciò che scrivi... riconosco in me la spiritualità che emana da questo brano... il sorriso.... le nuvole... ritrovo sapori a me ben noti... grazie per le emozioni che condividi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. wow Daniela!! sono lusingato! è bello sapere che le parole sono in grado di evocare sapori e sensazioni note alla gente che mi offre la sua attenzione ed il suo tempo, leggendomi...grazie!!!

      Elimina
  14. Ho imparato a vivere il mio ORA con l'accanimento di chi sa di meritarlo...non mi faccio più molte domande...so che è ORA...
    VDC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa è la notizia + bella che potevi darmi cara Vale ...ed ora diamo il via alle "danze" del vivere.. del vivere che vuol solo staccarsi dalle domande x celebrare l'essenza :)

      Elimina
  15. ci emozioni sempre.. tutti!!
    buona settimana :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi emozioni tu, donandomi questo commento! :))
      Emozionare e farmi emozionare è la cosa che + mi piace nella vita...non ho altri talenti..
      Buona settimana Vaty :)

      Elimina
  16. Complimenti per i tuoi bei pensieri..aspettando la primavera, il tiepido sole ed i suoi colori stupendi!!! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Fullina!!! un caro abbraccio!! oggi di sole ce n'è stato davvero poco, ma noi il sole l'abbiamo dentro :))

      Elimina
  17. Niente male...
    E l'ultimo pezzo, con la Giungla d'Asfalto in sottofondo è un tema caro anche a me..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max!! grazie carissimo! siamo 2 "springteeniani" a quanto pare!!.. alla presentazione del cd nuovo alla Fnac di milano c'ero anche io, ho letto il tuo post ed è davvero ben scritto, cattura lo spirito dell'album!

      Elimina