Visualizzazioni totali

Informazioni personali

La mia foto
"Una farfalla prima d'esser tale e spiccare il volo con ali variopinte è bruco e deve fare i conti con la terra umida. Bisogna esser disposti a non disprezzare l'utilità del fango se si vuol conoscere anche l'ebbrezza del cielo." -(piccolo stralcio tratto da un mio racconto contenuto in "Liberi e controcorrente come salmoni")-

lunedì 27 marzo 2017

Il piccione viaggiatore

Marzo, temperature gradevoli. Il cruscotto della mia auto mi mostra per  la prima volta la cifra 20 al termometro digitale… il tutto mentre l’autoradio fa il suo dovere, innaffiando con canzoni di Springsteen, ed al contempo  le gomme assaggiano un asfalto già piuttosto tiepido.
Bereguardo è alla spalle, intravedo il ponte delle barche dallo specchietto retrovisore ed ora tutti i cartelli stradali mi annunciano che mancano soli 11 chilometri a Pavia.
Penso all’estate, a ciò che verrà, a cosa ne sarà di questa mia vita di qui a prossimi mesi. Non trovo risposte, progetti, auspici, speranze e pensieri si rincorrono, ma sembrano galleggiare insicuri come un ponte che non ha abbastanza radicamento al terreno per sostenere il traffico.
Torno al momento presente, l’unica cosa che davvero possiedo è questo instante. Eppure se cerco di afferrarlo scopro che è già svanito, come una farfalla che si posa sulla rete senza lasciarsi mai catturare.
Lascio che sia: il tempo conosce meglio di me il significato del viaggio che ogni spirito è chiamato fare in questa giostra, che non spegne mai motori e luci.
Mi lascio stare, Alessandro smette di chiedersi perché succede questo o quest’altro, ma soprattutto cessa di giudicare se stesso e gli altri.
Il mio nome stesso, del resto, è frutto di una scelta che non ho fatto io: eppure ogni giorno ho un libero arbitrio, un “capo di manovra” su cui seminare. Posso scegliere se compatirmi e compatire o utilizzare anche le difficoltà come sabbia per costruire i gradini su cui salire.
Scelgo la seconda opzione. Sorrido, sornione.
Il tachimetro mi avverte che sto correndo un po’ troppo: pigio sul freno, rallento, abbasso il finestrino, respiro. Che meraviglia: sono vivo! Lo ero anche poco fa, ma la consapevolezza mi regala questo scampolo di paradiso, bussando al ventricolo e facendomi sentire come batte il muscolo cardiaco.
Bum-bum, bum-bum, bum-bum.
Grazie! Questa è la parola che ripeto più spesso mentre abbasso il volume dello stereo e mi godo il fischiettare  del vento che entra dal finestrino.
Sono quasi giunto alla stazione, qui cercherò parcheggio per poi passeggiare lungo il fiume Ticino.
Un piccione attraversa la strada, goffo, impacciato. Sembra dolorante. Inchiodo una frenata per non investirlo e lui lentamente attraversa la carreggiata, con il suo incedere lento.
Lo osservo: non può volare! E’ ferito alle ali e costretto a camminare lentamente rischiando la pellaccia.
Sembra fare lo slalom fra un’automobile e l’altra. Una roulette russa che anche questa volta è stata fortunata.
Mi volto, lo guardo per l’ultima volta, sono quasi convinto che stia per sorridermi e ringraziarmi di averlo rispettato.
Lo ringrazio anche io, sono certo di aver sentito il suo GRAZIE mille e più volte, in questa vita… e forse lo farà anche nella prossima.
Quel piccione viaggiatore probabilmente altro non era che il mio riflesso, il riflesso di chi anche se al momento non può volare, non rinuncia all’idea di tornare a farlo. Nell’immobile quiete che tutto riflette ci sono anche i passi compiuti e quelli da compiere.

                                                   ALESSANDRO DE VECCHI


Nessun commento:

Posta un commento